Consiglio Regionale del Piemonte

Vai ai contenuti

La settimana in Commissione

Foto del comunicato stampaDi seguito, i taccuini delle sedute delle sei Commissioni consiliari permanenti nella settimana dal 19 al 25 gennaio.

I Commissione (Programmazione e Bilancio)

Disegno di legge sulla semplificazione

Snellire e sburocratizzare diverse procedure nell’ambito del commercio: la Commissione presieduta da Vittorio Barazzotto alla presenza dell’assessore al Commercio e alle Attività estrattive Giuseppina De Santis, ha approvato il 19 gennaio gli undici articoli contenuti all’interno del disegno di legge regionale “Disposizioni regionali in materia di semplificazione”.
Posta l’attenzione su quelle che sono le competenze attribuite alle leggi statali, il legislatore regionale si è concentrato in particolare sull’esercizio dell’attività di somministrazione.
I commissari hanno poi iniziato l’analisi degli articoli riguardanti la semplificazione in materia di attività estrattiva.
Il provvedimento della Giunta, che era stato illustrato dall’assessore Aldo Reschigna, comprende nel suo complesso una serie di interventi volti a semplificare e snellire procedure, procedimenti e attività di competenza regionale. È l’ultimo atto della manovra finanziaria della Regione e costituisce una risposta alle richieste avanzate dalle organizzazione imprenditoriali e di categoria che da tempo manifestano l’esigenza di rendere più semplici i rapporti dei cittadini e delle imprese con la pubblica amministrazione. Il disegno di legge - come ha ribadito Reschigna - contiene misure come la dematerializzazione degli atti delle Conferenze dei servizi, l’autorizzazione unica ambientale per le imprese, il rinnovo delle concessioni idroelettriche con prelazione per chi investe per il fabbisogno energetico della propria azienda, l’unificazione delle procedure che riguardano il rapporto tra aziende sanitarie e sistema economico, la classificazione delle aziende alberghiere, la concessione ai bed&breakfast di non osservare l’obbligo di chiusura nel 2015 in occasione dell’Expo, semplificazioni per la somministrazione di alimenti e bevande e per i negozi di vicinato.
I gruppi M5S e FI avevano richiesto che il disegno di legge fosse discusso per materia alla presenza dell’assessore competente.
mbocchio

II Commissione (Pianificazione territoriale e Urbanistica)

Via libera al Dfefr e trasporto pubblico scolastico

Presieduta dalla consigliera Nadia Conticelli, la Commissione ha espresso il 22 gennaio parere favorevole a maggioranza, in merito alle materie di competenza, sul Documento di programmazione economico-finanziaria regionale 2015-2017.
In particolare l’assessore all’Urbanistica Alberto Valmaggia ha evidenziato una contrazione di circa il 40 per cento dell’attività urbanistica ed edilizia, con forti ripercussioni sul relativo settore di competenza regionale. È stata ipotizzata una linea di intervento tempestiva che miri soprattutto a sostenere i Comuni piemontesi anche con iniziative di supporto economico.
Per quanto riguarda le altre materie di competenza dell’Assessorato, è emersa la necessità di completare il sistema cartografico e statistico già avviato negli anni passati, soprattutto per snellire alcune procedure amministrative. È, infine, stata posta all’attenzione della Commissione la volontà di continuare a sostenere la tutela e la valorizzazione del patrimonio paesaggistico piemontese, sia in termini di recupero dell’edilizia esistente sia con una maggiore efficienza e ammodernamento dei servizi offerti ai cittadini.
La seduta è proseguita con l’illustrazione, da parte dell’assessore ai Trasporti Francesco Balocco della situazione relativa ai collegamenti regionali.
È stato evidenziato, in particolare, come la recente approvazione in Aula del disegno di legge n. 67 “Provvedimenti per la riqualificazione della spesa regionale” sia anche il risultato di un percorso avviato dalla Commissione per la rivisitazione della normativa in materia, risalente al 2000. Sarà così possibile coordinare in modo unitario il sistema regionale, migliorando le criticità legate al trasporto locale e garantendo un servizio, su gomma e ferro, più adeguato alle necessità dei fruitori.
L’assessore ha continuato, poi, sul tema delle Opere pubbliche, sottolineando la carenza di risorse attualmente a disposizione. In particolare è emersa la necessità di un lavoro sinergico per completare gli assetti previsti dalle norme che regolano i settori in esame, concentrando la programmazione su interventi di prevenzione dei fenomeni di alluvione occorsi negli ultimi anni in Piemonte.
Conclusa la seduta ordinaria, la II Commissione ha proseguito i lavori in congiunta con la VI (Istruzione ed edilizia scolastica), presieduta dal consigliere Daniele Valle, con un approfondimento dell’assessore Balocco sui servizi di trasporto pubblico scolastico. È stato precisato che, nella programmazione del servizio e nella distribuzione delle risorse in sede di assestamento di bilancio, si è ritenuto prioritario garantire il servizio di trasporto pubblico scolastico.
Sono emerse, nel corso della discussione, alcune riflessioni, da parte di consiglieri di maggioranza e opposizione, sulla necessità di rivedere il sistema di bigliettazione regionale, con l’introduzione di eventuali incentivi, soprattutto in riferimento ai servizi offerti alla scolarità dell’obbligo.
droselli


III Commissione (Montagna e Turismo)

Sistema camerale e legge sull'agriturismo

Presieduta dal consigliere Raffaele Gallo, la Commissione ha svolto il 22 gennaio un’audizione con le organizzazioni sindacali e Unioncamere Piemonte in merito alla situazione del sistema camerale piemontese e ai suoi risvolti occupazionali alla luce dell’entrata in vigore delle nuove norme statali.
Alla fine dell’anno - hanno denunciato - una decina di contratti di lavoro non sono stati rinnovati e ci sono decine di dipendenti che rischiano di perdere il posto senza poter usufruire di ammortizzatori sociali o patti di solidarietà. Pur riconoscendo la necessità di rivedere il sistema camerale e di razionalizzarlo attraverso economie di scala e accorpamenti, hanno chiesto al Consiglio regionale di mettere le Camere di commercio in condizione di poter continuare a svolgere le proprie funzioni e di sensibilizzare le istituzioni alle loro istanze.
Il presidente Gallo, a nome dell’intera Commissione, ha assicurato il proprio impegno, a cominciare dalla presentazione di un ordine del giorno che impegni il presidente e la Giunta regionale a farsi carico del problema presso il Governo.
In seduta ordinaria, inoltre, è proseguita - alla presenza dell’assessore all’Agricoltura Giorgio Ferrero - la discussione sulla proposta di legge sull’agriturismo, presentata dal primo firmatario Gian Luca Vignale (FI) per normare e riqualificare l’offerta del settore agrituristico con particolare attenzione ai prodotti agricoli locali.
Dopo l’individuazione dei relatori - Elvio Rostagno (Pd) per la maggioranza e Vignale (FI) e Paolo Mighetti (M5S) per la minoranza - sono stati approvati all’unanimità, con emendamenti anch’essi licenziati con voto unanime, i primi 7 articoli. L’esame dell’articolato riprenderà nella prossima seduta.
ctagliani

IV Commissione (Sanità e Assistenza)

Riorganizzazione della Sanità

L’assessore alla Sanità Antonio Saitta il 23 gennaio ha esposto alla Commissione, presieduta da Domenico Ravetti, le modifiche dei provvedimenti di riorganizzazione della rete ospedaliera regionale. Nel corso del lungo dibattito sono intervenuti diversi consiglieri, sia di maggioranza sia di minoranza.
Paolo Allemano (Pd) ha parlato “a nome del gruppo: pur rendendomi conto delle diverse posizioni soggettive, confermo la fiducia nell’azione dell’assessore, che ha lavorato molto bene e capendo perfettamente la difficoltà di operare facendo il pendolare tra Roma e Torino”.
In effetti, qualche polemica è sorta per la mancanza di un testo scritto sul quale discutere: “La cortesia istituzionale - ha detto Gian Luca Vignale (FI) - imporrebbe quantomeno di informarci correttamente su quanto dobbiamo votare”.
Critico il Movimento 5 Stelle, con Stefania Batzella e Davide Bono. Quest’ultimo ha sottolineato come “queste funzioni normalmente andavano esercitate dal Consiglio regionale. Ora la Giunta si prende tutto, ma ha anche un potere commissariale?”.
Per la Lega è intervenuta Gianna Gancia, che ha parlato di “favoritismi per alcuni territori. Penso all’eporediese o al Verbano”. Mario Giaccone (Chiamparino per il Piemonte), ha invece obiettato che “in un piano così complesso e articolato, non pare proprio possibile dare una lettura maliziosa come fa l’opposizione a decisioni spesso imposte dai conti e dalle norme nazionali”. Diversi altri consiglieri sono intervenuti.
Saitta ha confermato di “voler tenere presenti tutte le istanze che sono state presentate, ma senza rivedere o stravolgere tutta la riorganizzazione, perché l’importante è che la nostra delibera passi al tavolo Massicci, a Roma. Con il presidente Sergio Chiamparino siamo impegnati in questo senso e i tempi com’è noto, sono stretti”.
fcalosso

V Commissione (Tutela dell'ambiente e Protezione civile)

Riordino delle aree protette

Presieduta da Silvana Accossato, la Commissione ha svolto il 22 gennaio le prime determinazioni sul disegno di legge che “fa il tagliando” - come affermato dall’assessore ai Parchi Alberto Valmaggia - al Testo unico sulla tutela delle aree naturali e della biodiversità (legge regionale n. 19/2009).
Dopo una breve discussione sono state calendarizzate delle consultazioni: la prossima settimana con i direttori ed i commissari delle aree protette; tra due settimane con soprintendenze, associazioni e sindacati rappresentativi del territorio (suddivisi in due tranches nella stessa giornata).
L’assessore Valmaggia ha introdotto la discussione illustrando i tratti essenziali delle modifiche al Testo unico che ha lo scopo di ottimizzare la gestione del sistema delle aree protette, ottenendo un risparmio di spesa.
Vi saranno meno dirigenti perché gli enti di gestione diminuiranno da 14 a 9. “Uno di questi, dedicato ai Sacri monti, passerà all’Assessorato alla Cultura” ha spiegato l’assessore. Con quelli della Lombardia, infatti, i Sacri monti piemontesi sono patrimonio della umanità Unesco. Anche per questo motivo, si è pensato di enfatizzare gli aspetti architettonici e storici, mantenendo comunque la tutela ambientale.
L’intervento legislativo si è reso necessario, non solo perché per la gestione di oltre una ottantina di aree protette del Piemonte sono disponibili attorno ai 23 milioni di euro, quando nel 2008 la disponibilità era di 30 milioni, ma anche per iniziare un percorso che tenda all’autosufficienza con varie iniziative di promozione e sviluppo.
A tale proposito il nuovo testo prospetta una rivisitazione della governance rimodulando la composizione dei consigli di amministrazione, con il solo presidente di nomina regionale e quattro rappresentanti del territorio.
Sono, infine, anche stati nominati i relatori: Antonio Ferrentino (Pd), per la maggioranza, Giorgio Bertola (M5S) e Daniela Ruffino (FI), per le opposizioni.
abruno

VI Commissione (Cultura e Istruzione)

Trasporto pubblico scolastico

La Commissione, presiefduta da Daniele Valle, si è riunita il 22 gennaio in seduta congiunta con la II Commissione, sui servizi del trasporto pubblico scolastico (v. attività della II Commissione).