Consiglio Regionale del Piemonte

Vai ai contenuti

Il Corecom risolve tre controversie


Foto del comunicato stampa

Prosegue l’impegno del Corecom Piemonte a favore di cittadini e aziende che hanno controversie con gli operatori telefonici. In particolare, una questione di significativo valore economico è stata recentemente risolta con un risparmio per le società interessate di circa 50mila euro.
Nel dettaglio la vicenda riguarda tre società dell’Alessandrino, appartenenti alla medesima holding, che lamentavano, nei confronti di un importante operatore, l’addebito di costi di recesso da contratti di telefonia mobile per una somma complessivamente superiore agli 80 mila euro.
Il tentativo obbligatorio di conciliazione, tenutosi davanti al Corecom, non era andato a buon fine. Le società hanno quindi scelto di ricorrere al procedimento di definizione della controversia, in alternativa al ricorso al giudice ordinario. Dall’ottobre del 2012, il Corecom Piemonte svolge anche questa attività, che è completamente gratuita, su delega dell’Autorità per le garanzie nelle comunicazioni
In questa seconda fase è stato possibile raggiungere un accordo definitivo fra le parti che ha previsto uno storno di oltre 50 mila euro a favore delle società clienti, in capo alle quali è rimasto l’obbligo di pagare la residua somma di 29 mila euro.
Nell'anno trascorso il Corecom Piemonte ha affrontato oltre 5mila pratiche con un tasso di risoluzione delle controversie superiore all’85% e un risparmio per cittadini e imprese di circa 2,2 milioni di euro.

dtomatis

 

I fatti in breve

  • Il Corecom ha risolto tre controversie fra tre società dell'Alessandrino e un importante operatore telefonico.
  • Nel 2014 il Corecom Piemonte ha affrontato oltre 5mila pratiche con un tasso di risoluzione delle controversie superiore all'85%.
  • L'attività del Corecom Piemonte ha prodotto un risparmio per cittadini e imprese pari a circa 2,2 milioni di euro nell'anno trascorso.

Link associati

Contatti

0115757738 Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Seguici su twitter @crpiemonte
Seguici su facebook @crpiemonte