Consiglio Regionale del Piemonte

Vai ai contenuti

Dibattito sull'aumento Irpef


Foto del comunicato stampa

L’Aula di Palazzo Lascaris ha avviato oggi l’esame dell’articolato e degli emendamenti al disegno di legge n.66 in materia fiscale e tributaria. Sono stati illustrati dalle opposizioni (Forza Italia, Lega Nord e M5S) numerosi emendamenti relativi al primo articolo, che prevede l’aumento dell’aliquota dell’addizionale regionale all’Irpef di base (pari all’1,23%) secondo i relativi scaglioni: 0,39% per i redditi fino a 15mila euro, 0,90% oltre 15mila e fino a 28mila euro, 1,52% per i redditi oltre 28mila euro e fino a 55mila, 2,09% oltre i 55mila e fino a 75mila e 2,10% per i redditi oltre 75mila euro.
Un emendamento di M5S e uno analogo di Forza Italia intendono abrogare l’intero articolo mentre altri emendamenti sono finalizzati alla soppressione o alla riduzione dell’addizionale Irpef per le fasce di reddito più deboli e, nel caso delle proposte di Forza Italia e Lega Nord, anche a un’attenuazione dell’incremento per le altre fasce di reddito.
Proposta infine da Forza Italia la riduzione dell’incremento dell'addizionale Irpef per particolari categorie come gli invalidi oltre il 75%, le persone in quiescenza a basso reddito, gli appartenenti alle Forze dell’Ordine e l’esenzione dell'aumento per i nuclei famigliari con non meno di quattro persone e per le famiglie con a carico una persona invalida oltre il 75%.

ecorreggia

 

I fatti in breve

  • L'Aula ha avviato l'esame dell’articolato e degli emendamenti al disegno di legge n.66 in materia fiscale e tributaria.
  • Le opposizioni hanno presentato numerosi emendamenti relativi all'articolo 1, che prevede l'aumento dell'addizionale regionale Irpef.
  • Molti emendamenti sono finalizzati alla riduzione dell'addizionale per le fasce di reddito più deboli.

Contatti

0115757738  Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Seguici su twitter @crpiemonte
Seguici su facebook @crpiemonte