Consiglio Regionale del Piemonte

Vai ai contenuti

Delegazione a Palazzo Lascaris

Foto del comunicato stampa Una fabbrica siderurgica storica della Valle di Susa a rischio: è la Vertek di Condove (To), già conosciuta come Moncenisio. Il destino del Gruppo Lucchini, con sede a Piombino (Li) e attualmente in fase di commissariamento, rischia infatti di trascinare verso la chiusura lo stabilimento condovese e di lasciare senza lavoro 94 persone, oggi in cassa integrazione.
Una delegazione della fabbrica giovedì 18 dicembre è stata ricevuta in Consiglio regionale del Piemonte dal presidente Mauro Laus, alla presenza dell’assessore al Lavoro Gianna Pentenero e dei consiglieri Francesca Frediani e Antonio Ferrentino.
Il piano industriale del colosso algerino Cevital, che ha rilevato il gruppo siderurgico, prevede a regime l’occupazione di tutto il personale dello stabilimento di Piombino, mediante il rilancio della produzione di acciaio, e attraverso importanti elementi di diversificazione nei settori dell’agro-alimentare e della logistica. L’acciaieria Arvedi sta invece acquisendo la Ferriera di Servola (Ts), con investimenti per 172 milioni di euro in tre anni,
Il futuro incerto riguarda pertanto gli insediamenti produttivi di Condove e di Lecco. I rappresentanti sindacali hanno sottolineato come la congiuntura economica nazionale sia stata per troppo tempo ignorata e come sia sempre più concreta la prospettiva della totale deindustrializzazione della Valle Susa. Dall’incontro è emersa, quindi, la necessità anche di un intervento della Regione Piemonte presso il ministero dello Sviluppo economico affinché solleciti Piero Nardi, commissario del gruppo siderurgico livornese in amministrazione straordinaria, a individuare la stipula di un possibile accordo preliminare di vendita relativo allo stabilimento di Condove.
Il presidente Laus e l’assessore Pentenero hanno garantito l’attenzione e l’impegno delle istituzioni affinché sia individuata la strada per dare continuità e un futuro allo stabilimento piemontese del Gruppo Lucchini.

mbocchio