Consiglio Regionale del Piemonte

Vai ai contenuti

Comitato regionale per i diritti umani


Foto del comunicato stampa
È stata approvata all’unanimità dei votanti, nella seduta del 9 dicembre, la proposta di delibera che istituisce il Comitato regionale per i diritti umani.

Il provvedimento - presentato dal primo firmatario, il presidente del Consiglio regionale Mauro Laus (Pd), e sottoscritto dai vicepresidenti dell’Assemblea Nino Boeti (Pd) e Daniela Ruffino (FI) e dai consiglieri segretari Alessandro Benvenuto (Lega Nord) e Gabriele Molinari (Scelta civica) - sostituisce e supera l’Associazione regionale per il Tibet e i diritti umani.

Organismo di consultazione e partecipazione sulle politiche in tema di diritti fondamentali, il Comitato ne promuove il rispetto e la tutela con particolare riferimento al diritto di autodeterminazione dei popoli, formula proposte al Consiglio regionale e collabora con le associazioni e le organizzazioni non governative nazionali e internazionali che si riconoscono nei principi della solidarietà internazionale e che si occupano della salvaguardia dei diritti umani.

Composto dal presidente dell’Assemblea, da due componenti dell’Ufficio di presidenza, da due consiglieri regionali (uno di maggioranza e uno di minoranza), da due consiglieri regionali cessati dal mandato e da dieci esperti in materia di diritti umani nominati dal Consiglio regionale, il Comitato viene insediato all’inizio di ogni legislatura e dura in carica fino alla scadenza del Consiglio regionale.

ctagliani

 

I fatti in breve

  • Sostituisce e supera l'Associazione regionale per il Tibet e i diritti umani.
  • La proposta formulata dall'Ufficio di presidenza dell'Assemblea regionale.
  • Insediata all'inizio di ogni legislatura, resta in carica fino alla scadenza del Consiglio regionale.

Dichiarazioni

“Con la costituzione del Comitato si realizza uno dei punti qualificanti del mio mandato di presidente dell’Assemblea regionale. Fin dal giorno del mio insediamento mi sono preso l’impegno di rendere l’ente e le sue articolazioni sempre più sensibili e più attenti ai principi di uguaglianza sanciti dallo Statuto e ora credo ci sia lo strumento giusto per farlo. Sono grato all’Ufficio di presidenza d’aver voluto condividere e sostenere fattivamente questa mia proposta e all’Aula di avervi dato corso. Nell’attività del Comitato abbiamo l’ambizione di coinvolgere il maggior numero possibile di realtà associative territoriali e di ampliare l’esperienza del sodalizio per il Tibet. Solamente il gioco di squadra può farci sperare in una consapevolezza nuova e più efficace in tema di diritti, a vantaggio in particolare dei cittadini di domani”, Mauro Laus, presidente del Consiglio regionale.

Link associati

Contatti

0115757484 Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Seguici su twitter @crpiemonte
Seguici su facebook @crpiemonte