Consiglio Regionale del Piemonte

Vai ai contenuti

Le Commissioni del 30 luglio

Foto del comunicato stampa Trasporto pubblico locale con pochi fondi

La relazione sullo stato del trasporto pubblico locale, presentata dall’assessore ai Trasporti Francesco Balocco, ha aperto la seduta della II Commissione, presieduta da Nadia Conticelli.

“I pesanti tagli di 12 milioni e 300 mila euro hanno influito pesantemente sul Trasporto pubblico locale in Piemonte – ha detto l’assessore Balocco – riusciremo a recuperare nel bilancio un finanziamento aggiuntivo di 6,6 milioni di euro più altri 2 milioni, con questo riusciremo a coprire la situazione delle necessità per il 2014. I problemi più grossi si verificano nella gestione dei traporti scolastici e per i pendolari, inoltre ci sono situazioni difficili da sanare in alcune aziende di trasporto. Si rende anche necessaria un’azione di coordinamento e riorganizzazione del piano del trasporto locale da verificare con Province e Comuni, integrando i trasporti ferroviari con quelli su gomma. Per le infrastrutture, data la penuria di fondi, occorrerà finanziare soltanto le opere che si trovano già ad un alto livello di realizzazione”.

I numerosi interventi dei consiglieri componenti della Commissione hanno sottolineato diversi argomenti connessi con la relazione dell’assessore: controlli sui consorzi di trasporti in materia di sicurezza dei mezzi, servizi più efficienti per i pendolari, necessità di bandire al più presto le gare per il trasporto pubblico locale, utilizzo dei fondi statali, gestione delle piccole stazioni ferroviarie, sistema ferroviario metropolitano, accesso all’aeroporto di Malpensa.


Proroga per le termovalvole

La V Commissione, presidente Silavana Accossato, ha licenziato il 30 luglio, a larga maggioranza, la proposta di deliberazione della Giunta regionale che proroga il termine per l’installazione delle termo valvole al 31 dicembre 2016, destinando ulteriori risorse finanziarie.

“Stiamo impostando il lavoro per settembre per esaminare il complesso di misure per aggiornare il Piano della qualità dell’aria. Il provvedimento licenziato oggi va in questa direzione secondo le norme europee e per venire incontro alle esigenze dei cittadini”. In questo modo la presidente Silvana Accossato ha sintetizzato la seduta della Commissione Ambiente.

L’assessore regionale all’Ambiente, Alberto Valmaggia, ha illustrato la proposta di deliberazione che in linea con la normativa europea proroga al 31 dicembre 2016 i termini per l’installazione delle termovalvole. Il provvedimento considerato il successo del bando (ultima versione del marzo 2013) per le agevolazioni che ha visto un elevato numero di richieste, incrementa l’attuale dotazione finanziaria con un milione di euro tratto dagli stanziamenti dell’assessorato.
Numerosi interventi dei vari gruppi politici hanno supportato sostanzialmente la necessità degli interventi per le termovalvole ma inquadrati all’interno di una complessiva poltica di riduzione delle emissioni e di risparmio energetico.
Solamente i gruppi della Lega Nord e del Movimento 5 Stelle non hanno partecipato al voto per rimarcare la preoccupazione per una temuta politica di proroghe nonostante le difficoltà delle famiglie ad investire nelle termo valvole nella attuale situazioni di crisi economica".


La Commissione discute il programma dell'assessore regionale alla Cultura


Garantire la giusta dose di decisionismo utile per sbloccare le tante situazioni torinesi e piemontesi ancora ferme. È stato questo il biglietto da visita dell’assessore alla Cultura e al Turimo Antonella Parigi, presentato ai membri della VI Commissione presieduta da Daniele Valle (Pd).
Tra i punti fermi ai quali l’ex direttore del Circolo dei lettori e ideatrice del festival “Torino Spiritualità” ha dato la priorità c’è il progetto della “superfondazione”, che dovrebbe riunire Fondazione Torino Musei, Artissima e Castello di Rivoli.
Gli obiettivi di Parigi sono una governance più chiara, concentrare le risorse e sfruttare i fondi europei, valorizzare i cinque siti Unesco, ma ne verrà già proposto un altro a Ivrea, sfruttare al meglio il turismo religioso con i Sacri Monti.
L’assessore ha anche promesso il massimo impegno per sfruttare le opportunità offerte dall’Expo e da Torino Città Europea dello Sport 2015.
E proprio alla pratica sportiva è stata dedicata la seconda parte della commissione, con l’intervento dell’assessore Giovanni Maria Ferraris, che ha sottolineato l’importanza che sport e salute debbano costituire un binomio vincente per la salvaguardia della salute e anche sotto il profilo del contenimento della spesa sanitaria.
Concetto proprio anche dell’assessore alla Sanità Antonio Saitta, che pochi giorni fa in occasione del convegno “Sport e salute, prevenire per contenere i costi della sanità”, organizzato dalla Regione Piemonte e dal Coni, aveva annunciato di guardare nel bilancio 2015 proprio alla prevenzione, dedicando una parte dei risparmi che potrebbero essere ottenuti dalla centralizzazione degli appalti.
La discussione ha fatto poi emergere la necessità di creare un confronto operativo tra le diverse istituzioni regionali, gli enti, le associazioni e le organizzazioni coinvolte nella promozione delle pratiche sportive.
Tra i progetti pensati, anche l’organizzazione in Piemonte per la prima volta gli Stati generali dello sport, iniziativa peraltro proposta dal presidente del Consiglio regionale Mauro Laus.

fcalosso
mbocchio
abruno