Consiglio Regionale del Piemonte

Vai ai contenuti

Piemonte storico

Foto del comunicato stampa Prosegue la collaborazione tra Consiglio regionale e Rai Teche. In questi giorni sono stati caricati sulla social tv crpiemonte.tv altri quattro filmati storici sul Piemonte.
La social tv del Consiglio, nata per contenere e presentare tutti i prodotti video e audio realizzati dalla Comunicazione istituzionale, si propone di diventare un punto di riferimento per tutti i piemontesi, anche quelli residenti all'estero.
Al suo interno contiene la sezione "Memoria" pensata per rafforzare l’identità regionale e valorizzare le esperienze, le figure del passato lontano o recente.
Proprio in quella sezione si possono trovare i quattro nuovi filmati provenienti dall'archivio Rai Teche:
 

  • “Piemonte barocco” (34 minuti, primi anni Sessanta del Novecento), a cura di Carlo Casalegno, con interventi di Marziano Bernardi. Riprese Colombo Pieraccioli, montaggio Tomaso Cerrato e regia di Vladi Orengo. (sezione Memoria >Territorio)
  • Per “La terza rete degli altri”, le due puntate del programma (circa un'ora di filmato) realizzato dalla sede regionale per il Piemonte “Beppe Fenoglio. Gentleman writer”, di Laurana Lajolo e Sergio Ariotti. (sezione Memoria >Storia)
  • Per Rai educational, “Frammenti di … Giovanni Arpino. Torino cultura di fabbrica”, di Carlo Cerrato 1986, circa quattro minuti di intervista al giornalista - scrittore. (sezione Memoria >Storia)
  • Per la rubrica regionale Qui Piemonte “Asti medioevale” di Silvio Ciuccetti e Adriana Solaro Fissore, della durata di circa 30 minuti. (sezione Memoria >Territorio)


Nella sottosezione "Territorio" si possono trovare i primi filmati di "Memoria raccontata", campagna avviata dal Consiglio regionale del Piemonte con Mémoro La Banca della Memoria onlus per raccogliere video testimonianze di uomini e donne che vivono in Piemonte, nati prima del 1950.
Le prime due interviste sono state fatte a Ines Furlan, 89 anni, che dal Veneto si è trasferita in Piemonte, viaggiando attraverso la guerra e faticose situazioni familiari.