Consiglio Regionale del Piemonte

Vai ai contenuti

Presentazione a Palazzo Lascaris

Foto del comunicato stampa Nella Sala Viglione di Palazzo Lascaris a Torino, organizzato dalla Fondazione Craxi, si è svolto un incontro per la presentazione del libro “Bettino Craxi dunque colpevole”, che è stato introdotto e moderato dal giornalista Rai Nino Battaglia.
Ad introdurre i lavori è stato l’ex consigliere regionale Riccardo Nicotra, tra i relatori, oltre al vicepresidente della Regione Piemonte Gilberto Pichetto Fratin e alla consigliera Mercedes Bresso, anche la figlia dello statista Stefania Craxi. Presenti in sala il consigliere Maurizio Lupi e numerosi ex amministratori regionali.
Il libro di Nicolò Amato, il magistrato che indagò anche sull’attentato a Papa Giovanni Paolo II e sull’omicidio di Aldo Moro, rievoca la vicenda giudiziaria di Bettino Craxi e si pone l’obbiettivo di proporre una riflessione serena dopo 20 anni dalla fine della vicenda.
Lo fa però con uno spirito nuovo. Senza le polemiche che hanno sempre contraddistinto la storia recente.
Amato descrive il clima che ha accompagnato il declino del leader socialista, la protesta dell’ opinione pubblica opinione e il peso dei media anche nel lavoro dei magistrati che hanno indagato su tangentopoli.
“Ricordarne oggi la figura comporta anche comprendere come molte questioni relative ai rapporti tra i poteri dello Stato siano ancora irrisolte e come le stesse contribuiscano a rendere instabile il sistema politico italiano, nell’arco di una transizione che dura ormai da oltre vent’anni”, ha sottolineato il presidente del Consiglio regionale Valerio Cattaneo nel suo indirizzo di saluto.
“Scopo del libro e del convegno: fornire una nuova verità sulla storia politica di mio papà”, ha concluso Stefania Craxi.

mbocchio