Consiglio Regionale del Piemonte

Vai ai contenuti

Mozione su autosospensione candidati

Foto del comunicato stampa “Il presidente della Giunta e gli assessori regionali non possono usare la loro carica per fare campagna elettorale. Chiediamo che si autosospendano, come è già stato fatto nella scorsa legislatura” è la richiesta arrivata dai gruppi di opposizione durante il dibattito in Aula, martedì 29 gennaio, sulla mozione 954.
La candidatura alle politiche del presidente della Giunta e di alcuni assessori ha sollevato preoccupazioni per il numero di impegni a cui verranno chiamati, con il rischio di sottrarre tempo all’impegno amministrativo in un momento particolarmente delicato per il Piemonte.
“Apprezziamo la scelta del presidente del Consiglio regionale, che ha varato dei principi di autoregolamentazione, astenendosi dagli impegni esterni. L’assessore ai Trasporti ha invece partecipato, nei giorni scorsi, a un’assemblea di un’importante partecipata e chiesto di votare un candidato sindaco. Inoltre, il presidente della Giunta ha dichiarato che si è candidato per testare il riconoscimento della comunità piemontese sul suo operato. Se questa è la motivazione, di fronte a un risultato negativo dovrà trarre le conseguenze” hanno aggiunto.
“Il tema è importante – ha precisato il vicepresidente della Giunta – a livello nazionale si vedono personalità con importanti ruoli istituzionali che si candidano nelle liste. La materia è da ripensare anche se, da parte della Giunta regionale, vi è l’impegno a rispettare le norme vigenti della par condicio. A oggi non vedo differenza tra le candidature di uomini di governo nazionale e i nostri regionali. Altra cosa sono i giudizi sull’opportunità di queste scelte”.
La mozione è stata respinta con 29 voti contrari e 17 a favore.


fmalagnino