Consiglio Regionale del Piemonte

Vai ai contenuti

Delegazioni ricevute in Consiglio

Foto del comunicato stampa Scelte cruciali per migliaia di cittadini, come la chiusura del reparto di Emodinamica dell’Ospedale San Luigi di Orbassano e la riduzione di numerosi servizi e reparti sociosanitari nelle Valli Chisone e Germanasca, non possono essere prese senza un confronto con le istituzioni e con la popolazione. È quanto ha evidenziato la delegazione di sindaci della zona Ovest di Torino e del Pinerolese ricevuta a Palazzo Lascaris il 29 gennaio dall’Ufficio di presidenza, alla presenza del vicepresidente della Giunta.

Consegnando le oltre 35.000 firme raccolte tra i cittadini per non chiudere l’Emodinamica e non declassare il San Luigi da ospedale di riferimento a ospedale di trasferimento, il responsabile della struttura semplice di Emodinamica ha evidenziato la necessità di annullare parte della delibera di Giunta n. 26-5149, in quanto “il Piano socio-sanitario classifica il San Luigi, per il territorio Ovest, ospedale di riferimento insieme al Mauriziano. Se, come prevede la delibera, verrà privato dell’Emodinamica, nei fatti lo si declassa e gli si tolgono potenzialità”.

I sindaci delle Valli Chisone e Germanasca hanno invece chiesto un confronto attivo con l’Assessorato alla Salute e la direzione generale dell’Asl To3 per analizzare la rete ospedaliera, le aree di degenza di cure intermedie e la riconfigurazione della residenzialità sociosanitaria, in quanto l’applicazione secondo rigidi criteri matematici dei quozienti di popolazione determina, per le zone montane, la sostanziale dismissione di molti reparti e strutture.
“Per dare adeguate risposte ai bisogni della popolazione ed evitare il rischio di spopolamento - sostengono i sindaci - è necessario dotare i presidi delle zone montane di servizi o reparti adeguati per lungodegenza, cure intermedie, riabilitazione, pronto soccorso, medicina di famiglia, specialistica ambulatoriale, punto prelievi, distribuzione referti, servizio infermieristico e base di coordinamento per l’assistenza domiciliare”.

All’incontro hanno preso parte numerosi consiglieri di maggioranza e minoranza.

ctagliani