Consiglio Regionale del Piemonte

Vai ai contenuti

Dimissioni di Riva Vercellotti

Foto del comunicato stampa Il presidente della Provincia di Vercelli, Carlo Riva Vercellotti, ha annunciato oggi nel corso della seduta del Cal le sue dimissioni da presidente del Consiglio delle autonomie locali, a seguito della decisione del Cal, assunta il 3 ottobre scorso e poi non recepita dal Consiglio regionale, che prevedeva un’unica Provincia del Piemonte orientale.
“La proposta deliberata dal Cal lede i diritti costituzionali degli enti locali – ha affermato Riva Vercellotti. Al contrario, la proposta di costituzione della Provincia di Biella-Vercelli era coerente con i criteri richiesti dalla legge nazionale ma non è stata tenuta in debita considerazione, così come non sono state accolte le delibere assunte a maggioranza assoluta dei Comuni del Vercellese e del Biellese che si esprimevano a favore di questa soluzione. Il Cal in ultima analisi non ha agito a tutela delle autonomie locali, secondo quello che dovrebbe essere il suo scopo. La Provincia di Vercelli farà ricorso contro la decisione del Cal e ciò rende inconciliabile la mia presidenza del Consiglio delle autonomie locali".
Riva Vercellotti ha quindi dichiarato che si riserverà di partecipare alle future sedute del Cal solo in rappresentanza e a tutela del suo territorio.
Dopo le dimissioni del presidente del Cal, i lavori sono stati presieduti dal vicepresidente più anziano, il sindaco di Bra, Bruna Sibille. È seguita una breve discussione sull’utilità del Consiglio delle autonomie locali e infine l’Assemblea ha fornito parere favorevole all’unanimità sui criteri di riparto del Patto di stabilità orizzontale e verticale per il 2012. L’assessore al Bilancio, Giovanna Quaglia, ha spiegato che le ultime delibere contengono l’ipotesi di un terzo riparto di 80 milioni circa secondo tre criteri: una quota del 40% calcolata sui residui passivi dell’ultimo triennio, 40% sulla base dell’entità delle richieste degli enti e una quota del 20% ripartita sulla base degli scostamenti tra saldo e obiettivo dei singoli enti, fermo restando il fatto che nessun ente potrà ottenere più del 20%.
Al termine della seduta la vicepresidente del Cal Sibille ha assunto l’impegno di concordare un incontro con il presidente del Consiglio regionale e con i capigruppo per definire il futuro programma dei lavori del Cal e per riflettere anche sul ruolo del Cal stesso.

ecorreggia