Consiglio Regionale del Piemonte

Vai ai contenuti

"Cavour e il suo tempo"

Foto del comunicato stampa Si è inaugurata il 24 febbraio a Palazzo Lascaris la mostra Camillo Benso di Cavour e il suo tempo, promossa dal Consiglio regionale del Piemonte in collaborazione con la Fondazione Cavour di Santena e l’Associazione Amici della Fondazione Cavour, con il sostegno della Provincia di Torino e della Regione Piemonte.
Sono intervenuti il presidente della Fondazione Cavour Nerio Nesi, Rosanna Roccia della Commissione nazionale carteggi Cavour e Gino Anchisi dell’Associazione Amici della Fondazione Cavour. Per il Consiglio regionale ha portato il saluto il consigliere Giampiero Leo. Ha moderato l’incontro il direttore della Comunicazione dell’Assemblea regionale Rita Marchiori.
L’allestimento - curato da Irma Genova e Vilma Nano - si compone di 33 pannelli e del video Cronologia figurata. Dalla Rivoluzione francese all’Unità d’Italia e illustra l’ambiente e il contesto in cui si formò e operò Cavour, evidenziando lo spirito, il metodo e le peculiarità della sua azione politica. Da una parte, i grandi eventi storici che caratterizzarono l’Europa tra fine Settecento e Ottocento - dalla presa della Bastiglia ai moti liberali del 1820 e del 1830, le guerre d’indipendenza, la spedizione dei Mille e l’Unità d’Italia; dall’altra la biografia di Cavour: infanzia, educazione, carriera militare, imprenditoriale e politica. A corollario, due pannelli interamente dedicati alle personalità del mondo della filosofia, della scienza e della cultura che vissero e operarono tra l’ultimo quarto del Settecento e l’Ottocento: una galleria di ritratti che spazia da Massimo D’Azeglio a Fedor Dostoevskij, da Franz Litz a Edgar Degas, da san Giovanni Bosco a Karl Marx.
La mostra rimane aperta al pubblico fino al 19 marzo dal lunedì al venerdì dalle 10 alle 18 e il sabato dalle 10 alle 12.30. L’ingresso è gratuito.