Consiglio Regionale del Piemonte

Vai ai contenuti

Giorno della Memoria

Foto del comunicato stampa Giovedì 20 gennaio, al Museo diffuso della Resistenza di Torino, è stato presentato il calendario delle iniziative legate al Giorno della Memoria.
Sono intervenuti il vicepresidente del Consiglio regionale Roberto Placido, delegato al Comitato Resistenza e Costituzione, il viceprefetto di Torino Maurizio Gatto, il presidente del Consiglio provinciale di Torino Sergio Bisacca, il vicesindaco di Torino Tom De Alessandri e il presidente della Comunità ebraica di Torino Tullio Levi.
Il Giorno della Memoria è una ricorrenza istituita con la legge n. 211 del 20 luglio 2000 dal Parlamento italiano, che ha in tal modo aderito alla proposta internazionale di dichiarare il 27 gennaio come giornata in commemorazione delle vittime del nazionalsocialismo e del fascismo, dell'Olocausto e in onore di coloro che a rischio della propria vita hanno protetto i perseguitati.
La scelta della data ricorda il 27 gennaio 1945 quando le truppe sovietiche dell'Armata Rossa, nel corso dell'offensiva in direzione di Berlino, arrivarono presso la città polacca di Oświęcim (nota con il nome tedesco di Auschwitz), scoprendo il campo di concentramento e liberandone i prigionieri.
Anche quest’anno il Consiglio regionale, con il Comitato Resistenza e Costituzione, ha collaborato con gli Istituti storici e gli Enti locali per celebrare nelle singole province la ricorrenza del 27 gennaio.
“Il 27 gennaio è una data simbolo non solo perché riconosciuta da una legge dello Stato italiano – ha dichiarato Placido –. Aprendo quei cancelli, 66 anni fa, abbiamo conosciuto il dramma di una tragedia immane e guardato con fiducia a un mondo più libero e democratico”.
Il programma prevede l’anteprima del film La Rafle di Roselyn Bosch, il concerto Per la vita di Ester Béjarano e Microphone Mafia, proiezioni cinematografiche e altre iniziative a Torino e nelle province del Piemonte.

Anteprima La Rafle & concerto Per la vita

Giorno della Memoria al cinema

Iniziative a Torino e nelle province