Pagina 73 - Notizie

Il presidente del Consiglio regionale Valerio Cattaneo
nella pagina a fianco, il tavolo dei relatori
autorizzare una cooperazione raf-
forzata sono necessari almeno 9
Stati membri.
I paesi interessati sono: Italia, Ger-
mania, Francia, Austria, Belgio, Gre-
cia, Portogallo, Spagna, Slovenia,
Slovacchia.
http:ec.europa.eu/taxation_cu-
stoms/taxation/other_taxes/fi-
nancial_sector/index_en.htm
VIDEOGAMES
E GIOCHI SU INTERNET
La Commissione europea ha recen-
temente presentato le azioni che
intende intraprendere nel prossimo
biennio, per chiarire ed armonizza-
re la regolamentazione dei giochi
d’azzardo su Internet e incentivare
la cooperazione tra i paesi membri.
Tra gli obiettivi del piano d’azione:
tutelare i cittadini, impedire il rici-
claggio di denaro e le frodi, pro-
teggere lo sport da azioni truccate,
71
MISURE PER INCENTIVARE
LA RIPRESA ECONOMICA
I capi di Stato e di governo dei paesi
membri dell’Ue, riunitisi il 18-19
ottobre in occasione del Consiglio
europeo, hanno confermato il
proprio impegno ad affrontare con
fermezza la crisi finanziaria e ad
attuare le misure convenute per
incentivare la ripresa economica e
aumentare i posti di lavoro nell’Ue.
Le azioni riguardano la politica
economica europea e consistono in:
1)
attuare il patto per la crescita e
l’occupazione
2)
completare l’Unione economica
e monetaria e realizzare un quadro
finanziario integrato.
-
release_DOC-12-9_it.pdf
PROGETTI REGIONALI
È ora disponibile su Internet una
scheda descrittiva ed interattiva re-
lativa ai progetti che hanno benefi-
ciato dei fondi regionali della Com-
missione europea. Sono consultabili
informazioni su grandi progetti e su
casi di studio dettagliati. Alcune au-
torità di gestione regionali hanno
inoltre pubblicato delle mappe inte-
rattive con informazioni dettagliate
sui beneficiari dei fondi regionali
dell’Ue in alcuni paesi, tra cui l’Italia.
/
IMPOSTA UNICA SULLE
OPERAZIONI FINANZIARIE
Una proposta di decisione del Con-
siglio, recentemente adottata dalla
Commissione, autorizza 10 Paesi
membri dell’Ue ad avviare una co-
operazione rafforzata per applicare
un’imposta unica dell’Ue sulle tran-
sazioni finanziarie, in quanto tutti i
requisiti normativi sono rispettati.
I trattati prevedono infatti che per
A cura dell’Istituto universitario di studi europei - Torino (Iuse)
Pillole d’Europa
rendere le regole nazionali confor-
mi alla legislazione europea.
-
ket/services/gambling_en.htm
PROGRAMMA
EUROPA CREATIVA”
Nell’Ue i settori culturali e creativi
rappresentano circa il 4,5% del Pil e
8,5
milioni di posti di lavoro.
Il sostegno dell’Ue alla cultura con-
sente a migliaia di organizzazioni,
artisti e professionisti della cultura
di incontrarsi, scambiare opinioni
e best practice e creare, effettuare
tournées e esibirsi insieme in vari
paesi europei.
La Commissione ha proposto un
nuovo programma, “Europa crea-
tiva”, per rafforzare la competitività
di questi settori e promuovere la di-
versità culturale.
ative-europe/
tato delle Regioni,
già presidente della
Regione autonoma
Val d’Aosta che ha
rilevato le “carenze
delle istituzioni eu-
ropee nell’affron-
tare la crisi già dal
2008”,
è intervenu-
to
Roberto Cota
,
presidente della
Giunta regionale e
della Euroregione
Alpi-Mediterraneo.
Cota
ha affermato che “gli Stati nazionali non possono
essere più una camicia di forza per territori omogenei
con forti affinità culturali e con sistemi socio economi-
ci analoghi, come nel caso della Macroregione alpina
che ingloba 70 milioni di abitanti nel cuore produttivo
d’Europa. All’interno di un sistema che si globalizza la
cooperazione tra territori omogenei è parte del diritto
di autodeterminarsi”.
Luca Visentini
,
segretario della Confederazione europea
sindacati (Ces), è intervenuto per parlare a favore di una
dimensione “non più locale dello sviluppo” e per rileva-
re che “l’indebitamento più che essere causa della crisi è
causato dalla crisi ed è cresciuto per salvare le banche”.
Hanno poi preso la parola
Ermanno Maritano
di Con-
findustria Piemonte,
Gianluca Poggi
,
direttore dell’An-
ce Piemonte,
Elisabeth Legac
,
segretaria della Cfdt
della Rhône-Alpes,
Claudio Tecchio
,
vicepresidente
del Csir e rappresentante di Cisl Piemonte e
Guido
Corniolo
,
segretario generale Savt. Ha chiuso i lavori
Domenico Checco
,
presidente del Consiglio sindacale
inter regionale (Csir) Rhône-Alpes (Alpi)/Piemonte/
Arco Lemano (Italia - Francia - Svizzera), sottolinean-
do l’importanza “della collaborazione tra le quindici
confederazioni sindacali che compongono il Consiglio
sindacale interregionale nato per appoggiare l’impor-
tante dialogo tra sindacati, istituzioni e organizzazioni
del mondo imprenditoriale”.
n